«Il Governo ha già provveduto ad avviare un’approfondita istruttoria, volta ad accertare i fatti riferiti alla gestione esternalizzata del servizio di pulizie al Dipartimento di veterinaria dell’Università di Torino, a Grugliasco, da parte della ditta CM Service». Con queste parole il sottosegretario di Stato per l'Ambiente, Salvatore Micillo, ha risposto alla Camera all'interpellanza urgente presentata dalla deputata del Movimento 5 Stelle Jessica Costanzo, che denunciava al Ministero del Lavoro l'azienda CM Service, con sede a Cascinette d’Ivrea.

La ditta, recente vincitrice di un bando di gara presso la facoltà di veterinaria di Grugliasco, avrebbe ridotto drasticamente il numero di ore alle proprie dipendenti, impedendole di fatto lo svolgimento del proprio servizio. “Una condotta - afferma Costanzo - che si ripete un po’ in tutta Italia: ogni volta CM Service esordisce con un drastico taglio del monte ore, per poi ricattare i lavoratori chiedendone l’accettazione in cambio del ritiro dei licenziamenti. Atteggiamenti ricattatori, vessazioni: il modus operandi è sempre lo stesso ed è giunta l’ora di porre un argine. Lo denunciamo a gran voce, perché si tratta di un gioco al ribasso condotto sulla pelle dei lavoratori, purtroppo consentito dalle maglie larghe della normativa del codice degli appalti. Ringraziamo il sindacato Fisal-Cisal e Angela Scavo per la sua lotta senza freni alle ingiustizie e ai soprusi”.

Il Ministero, dopo l’annuncio dell’apertura dell’istruttoria, ha ribadito come sia “fondamentale la revisione di un codice, affinché gli enti pubblici non esternalizzino sempre i propri servizi, perché, così come abbiamo visto, non sempre dall’esternalizzazione del servizio avviene un ricavo di risparmio e, soprattutto, un miglioramento della qualità dei servizi”.

Galleria fotografica

Articoli correlati