Il ricordo di Gloria Rosboch è sempre vivo. Merito anche della famiglia che, seppur con discrezione, alimenta quel ricordo tra i più giovani. In quest'ottica la mamma Marisa e il papà Ettore, insieme alla direzione scolastica, hanno istituito delle borse di studio alla scuola media Cresto di Castellamonte intitolate proprio alla professoressa, uccisa dall'ex allievo Gabriele Defilippi.

Sono passati oltre tre anni ma, nella scuola dove ha insegnato per diversi anni, nessuno si è dimenticato di Gloria. In occasione dell’ultima lezione prima delle vacanze estive, i genitori Ettore e Marisa hanno consegnato le borse di studio in memoria della figlia. La cerimonia si è svolta alla presenza del dirigente scolastico, Federico Morgando, degli studenti dell’ultimo anno della scuola, dei professori e di alcuni genitori degli alunni.

Hanno ricevuto il premio Matilde Margrotto, Antonella Barberino, Kejsi Shahini e Roberto Pislariu per l’ottimo lavoro svolto nel triennio. Per il concorso «Poeticamente Gloria», gli allievi delle terze si sono invece cimentati su un testo poetico. Sono stati premiati Miriam Vironda e Luigi Vecchia. «Grazie per tutto quello che fate per ricordare Gloria – ha detto mamma Marisa - mia figlia amava questa scuola. Ogni anno è sempre più difficile tornare qui e non trovarla tra voi. E' un grande dolore. Ma è importante che nessuno la dimentichi». Poi un consiglio ai ragazzi: «Studiate e continuate a farlo con profitto perché è importante per il vostro futuro».

Galleria fotografica

Articoli correlati