Nella giornata di oggi è mancato Riccardo Ravera Chion, il Partigiano "Terribile" da sempre abitante di Chiaverano. Negli ultimi tempi, per ragioni di salute, era in una casa di riposo vicino a Pescara dove riesiede la figlia. Riccardo ad Agosto avrebbe compiuto 90 anni. Divenne partigiano nel 1944, quando aveva solo 14 anni, dopo aver visto bruciare la sua casa per una rappresaglia. Raggiunse il fratello sulla Serra diventando uno dei partigiani più giovani.
 
«Riccardo era l'ultimo partigiano di Chiaverano ancora in vita, l'ultima persona che con determinazione e irruenza raccontava le atrocità della guerra e la follia dell'ideologia fascista - lo ricorda il sindaco, Maurizio Fiorentini - in questo difficile un momento storico nel quale, per ignoranza o prepotenza, si vuole rimettere in discussione la nostra democrazia negando gli orrori del passato, il ricordo di Riccardo deve essere uno stimolo continuo per non dimenticare quello che c'è stato e non deve più tornare».
 
La cerimonia funebre si svolgerà a Pescara ma è previsto un suo ricordo a Chiaverano nella giornata di venerdì 28 febbraio organizzata dall'ANPI con la partecipazione del Coro Bajolese. L'amministrazione comunale di Chiaverano si unisce al dolore dei familiari nella memoria di un uomo che ha combattuto per la Libertà e ne è divenuto Testimone. E' stato per oltre un decennio presidente dell'Anpi Ivrea e basso Canavese.

Galleria fotografica

Articoli correlati