Un uomo di 57 anni residente a Chivasso è stato arrestato dai carabinieri per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Portato in caserma per accertamenti l'uomo non ha trovato di meglio che scagliarsi contro i militari in servizio, colpendone uno con una forte testata all'addome. Il 57enne è stato bloccato dopo una lite scoppiata con alcuni parenti in via dei Cappuccini. All'interno di un alloggio, al termine di una lite per futili motivi, l'uomo ha minacciato il fratello e la cognata.

Poi ha preso una spranga e ha tentato di farsi ulteriormente "giustizia". Pochi istanti dopo la chiamata al 112, effettuata da un vicino di casa, i carabinieri del nucleo radiomobile raggiungono via dei Cappuccini dove sentono i diretti interessati e portano il 57enne in caserma per ulteriori accertamenti. Ed è a quel punto, una volta all'interno degli uffici, che il chivassese perde la testa e aggredisce i militari, colpendone uno con una testata al ventre.

A quel punto è stato bloccato da altri carabinbieri e sottoposto a fermo. Dopo la convalida dell'arresto in tribunale ad Ivrea, il 57enne è stato scarcerato e sottoposto al divieto di dimora a Chivasso.

Galleria fotografica

Articoli correlati