Marito e moglie sono finiti in ospedale, a Chivasso, dopo aver mangiato un fungo velenoso. E' successo nei giorni scorsi. I due hanno mangiato della «Amanita Phalloides», un esemplare del fungo più pericoloso esistente in natura. La donna, 57 anni, è stata prima ricoverata all'ospedale di Chivasso con il marito e successivamente trasportata alle Molinette dove, con un trapianto di fegato in urgenza nazionale, i medici le hanno salvato la vita.

Il primo ricovero, subito dopo aver mangiato il fungo velenoso, risale a venerdì scorso. Grazie al Coordinamento regionale trapianti, nella notte tra lunedì e martedì è stato trovato un fegato proveniente da un un'altra regione. Il trapianto è stato eseguito martedì dal professor Romagnoli, direttore del Centro trapianti di fegato, in collaborazione col dottor Lupo.

L'intervento è durato ben otto ore e, secondo i medici, è tecnicamente riuscito. La donna si trova in terapia intensiva alle Molinette. Il marito, invece, meno grave, è ancora ricoverato all'ospedale di Chivasso: ha subito, sempre a causa del fungo, un danno epatico ed un danno renale acuto ma, secondo i medici, non è in pericolo di vita.

Galleria fotografica

Articoli correlati