CHIVASSO - Primo giorno del nuovo anno scolastico con sciopero e bambini costretti a restare a casa. Falsa partenza a Chivasso dove oggi, 13 settembre 2021, non si sono aperti i cancelli della «Mazzucchelli», che comprende la scuola dell'infanzia e la primaria. Le lezioni per gli alunni del plesso scolastico chivassese inizieranno quindi regolarmente domani 14 settembre. Ad annunciarlo un cartello posizionato all'ingresso dell'istituto.

La dirigenza didattica è stata costretta a posticipare di 24 ore il suono della prima campanella non per la mancanza dei professori, ma per l’assenza del personale Ata. Considerata l’adesione di questi ultimi allo sciopero nazionale organizzato per oggi da Anief (Associazione sindacale insegnanti e formatori) e Sisa, il Sindacato indipendente scuola e ambiente, non sarebbe stato possibile, fanno sapere dalla scuola, «assicurare le necessarie condizioni di sicurezza e vigilanza».

Lo stato di agitazione sindacale è stato indetto per il personale docente, educativo e Ata (amministrativo, tecnico e ausiliario) delle scuole di ogni ordine e grado. Le motivazioni della protesta sono legate all’introduzione dell’obbligo, per il personale scolastico, della certificazione verde Covid-19, per l’assenza di provvedimenti per una significativa riduzione numero di alunni per classe. Tra le ragioni dello sciopero anche l’indennità di rischio Covid per il personale scolastico in presenza, la mancata trasformazione dell’organico aggiuntivo dei docenti e degli Ata nell’organico di diritto, la stabilizzazione e la conferma nei ruoli dei diplomati magistrali.

 

Galleria fotografica

Articoli correlati