CIRIE' - I carabinieri della tenenza di Ciriè hanno dato esecuzione a tre misure cautelari – una custodia in carcere e due obblighi di dimora nel Comune di Ciriè – emesse dal giudice del Tribunale di Ivrea su richiesta della Procura della Repubblica eporediese, nei confronti di tre giovani italiani ritenuti responsabili, a vario titolo, di due gravissimi pestaggi avvenuti a Ciriè per delle liti sorte per futili motivi.

Il primo episodio risale al mese di marzo durante una partita amatoriale di calcetto; il secondo al mese di aprile nei pressi di un bar cittadino. Le indagini, coordinate dalla procura di Ivrea e condotte dai militari dell’Arma, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei tre soggetti. 

In particolare nei due sopracitati episodi l’indagato sottoposto alla custodia in carcere, un 24enne di San Maurizio Canavese, avrebbe personalmente aggredito con violenza due uomini italiani procurando loro delle lesioni gravissime. Gli altri due indagati, sottoposti all’obbligo di dimora sono un 21enne e un 31enne di Ciriè: avrebbero partecipato attivamente soltanto all’episodio di aprile nei pressi di un bar cittadino.

Galleria fotografica

Articoli correlati