Lo scorso sabato 24 novembre si è tenuta una nuova entusiasmante tappa per il progetto Chernobyl Smile con l’evento musicale #SmileNotes che ha coinvolto un pubblico eccezionalmente numeroso. La serata, realizzata in collaborazione con il comune di Colleretto Giacosa, si è svolta presso il salone polifunzionale “Piero Venesia” e, come sempre, ha avuto l’obiettivo di sostenere il progetto attraverso il quale l’associazione Unitalsi di Ivrea aiuta i bambini disabili a trascorrere le vacanze al mare in Italia in modo tale da rimanere lontani dalle radiazioni di Chernobyl e da quella infinita tristezza presente nei loro anonimi orfanotrofi bielorussi.
 
La serata è stata allietata dal Coro Gospel “Quincy Blue Choir” diretto dal giovane maestro Lorenzo Vacca e con le musiche del pianista Enrico Gianino. Sono stati molti i brani proposti, dai classici della tradizione gospel ai più recenti rivisitati in chiave moderna. La bravura del coro ha permesso di assaporare quelli che vengono definiti i “colori della musica”: una moltitudine di toni, di note, di vibrati e una sapiente delicatezza nel canto che solo gli interpreti più bravi riescono a far emergere. 
Un’esibizione da “brividi” in grado di trasmettere al pubblico innumerevoli emozioni che, dopo una piccola pausa, ha lasciato il posto al gruppo “Gli Scoordinati” diretti dalla loro insegnante Mariarosa Montebianco e coordinato dalle operatrici del Centro Diurno “Centonove e dintorni” del consorzio In.Re.TE di Ivrea. Il gruppo, composto da ragazzi disabili, si è esibito con danze popolari medioevali eseguite con molto impegno e in maniera impeccabile. La serata è proseguita con un momento dedicato alla spiegazione del progetto e dove si è potuto raccontare dei volti e delle tante emozioni vissute con questi bimbi.
 
Inoltre, si vuole ricordare l’iniziativa riguardanti i cesti natalizi che l’associazione ha il piacere di presentare dopo aver ricevuto l’aiuto dei ragazzi disabili e diversi laboratori in sede nei mesi di ottobre e novembre. Le confezioni colorate nascono da un’idea di rispetto dell’ambiente, di solidarietà e di partecipazione. Questa iniziativa va ad autofinanziare le attività del territorio che sono anch’esse rivolte a persone bisognose, disabili, malati o anziani. Per chi volesse maggiori informazioni può contattare la signora Tina al numero 346.85.48.370 o visitare il sito www.unitalsi-ivrea.it.

Galleria fotografica

Articoli correlati