Una 40enne di Castellamonte ha presentato una denuncia per lesioni colpose contro il Comune. La donna si è rotta il menisco del ginocchio destro cadendo in una buca di via Meuta, una strada del centro dove, secondo la sua versione dei fatti, il Comune non avrebbe eseguito la normale manutenzione dell'asfalto. Al pronto soccorso di Cuorgnè, inoltre, i medici avevano dimesso la paziente diagnosticando solo una distorsione del ginocchio. I successivi esami (a pagamento) hanno evidenziato la reale portata delle ferite riportate dalla donna. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri.

«Domenica 30 settembre sono caduta in strada a Castellamonte - racconta la 40enne - cerco di tenermi il male perchè non amo andare dai dottori ma a causa del forte dolore sono costretta a chiedere aiuto. Vado al pronto soccorso di Cuorgnè, sto quattro ore per una lastra e mi dicono che devo tornare alle nove di mercoledì mattina. Il dolore è talmente forte che nemmeno il cortisone mi aiuta. Ritorno il mercoledì, alle 7,30 sono già lì per attendere l'ortopedico che mi visita e mi dice che tutto va bene, non ci sono fratture. Mi consiglia di prendere alcuni antidolorifici e se non passa di andare poi dal mio medico di base».

Il dolore però aumenta. La 40enne passa giorni difficili. Le cure non servono. A quel punto è costretta (a pagamento) a sottoporsi ad una risonanza magnetica. L'esito è serio: frattura del corno posteriore del menisco mediale e condropatia femoro-rotulea. Servirà un intervento chirurgico. «Non voglio fare polemiche strumentali ma il pronto soccorso deve cambiare assolutamente "melodia". Queste canzoni stonate le compongono ormai da troppi troppi anni e noi subiamo in silenzio». Intanto ieri, visto che la caduta è stata provocata da una buca e dalla presunta mancata manutenzione dell'asfalto, è partita la denuncia ai carabinieri di Castellamonte contro il Comune.

«La lesione del menisco è diagnosticabile con certezza solo mediante esecuzione di risonanza magnetica - fanno sapere dall'Asl To4 - tale esame, per questa indicazione, non è procedura d'urgenza e pertanto non è disponibile nelle procedure di Pronto Soccorso. In Pronto Soccorso, una volta esclusa la frattura ossea, la gestione di una lesione all’articolazione segue una procedura ambulatoriale non richiedendo ospedalizzazione, tantomeno diagnosticata in urgenza. La terapia di una lesione al menisco, se non caratterizzata da indicazione chirurgica, è il riposo, l'eventuale fisioterapia se indicata e la terapia antalgica». L'Asl ha comunque garantito massima disponibilità per ulteriori chiarimenti alla paziente.

Galleria fotografica

Articoli correlati