Intensificati i controlli da parte della Polizia Municipale di Cuorgnè per individuare i soggetti che nonostante il divieto, continuano nelle prime ore della mattina e nelle ore serali ad accendere fuochi nelle zone collinari della cittadina. «Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte di cittadini esasperati dal non poter aprire le finestre delle proprie case nella prima mattinata o alla sera - conferma il sindaco Beppe Pezzetto - ho il sospetto che in alcuni casi non vengano soltanto bruciati residui vegetali, cosa peraltro vietata da specifica ordinanza, ma cosa ben più grave anche altre tipologie di materiale». 

Per questo motivo il Comune ha concordato con la Polizia Municipale maggiori controlli: «Abbiamo già raccolto specifico materiale, invito quindi i cittadini al rispetto della norma e all’utilizzo delle diverse modalità già attive per lo smaltimento di residui vegetali e neanche a dirlo non vegetali. Sono modalità arcaiche che non tengono conto del rispetto dell’ambiente e della civile convivenza con le altre persone e possono mettere a rischio l’incolumità delle personee delle cose.  L’uso del buonsenso eviterà l’applicazione di importanti sanzioni amministrative e penali».

Galleria fotografica

Articoli correlati