I carabinieri di Cuorgnè, durante un servizio preventivo, hanno trovato in un appartamento cuorgnatese esplosivi privi di qualsiasi etichettatura o simbolo identificativo, per un peso complessivo di  2,2 chili, nascosti in un armadio, in assenza di qualsiasi minima misura di sicurezza.

Sul posto sono intervenuti anche gli artificieri del comando provinciale carabinieri di Torino che, come da prassi, hanno sequestrato il materiale per la campionatura e la successiva distruzione. Un italiano di 42 anni, privo di licenza per la vendita, è stato arrestato per detenzione di materiale esplosivo. In particolare sono stati recuperati cinque artifizi esplosivi, potenzialmente pericolosi, lunghi diversi centimetri tutti dotati di miccia.

L'uomo si era da poco trasferito a Cuorgnè dopo aver abitato a Salassa e Rivarolo Canavese. Sono in corso le indagini del caso per scoprire la provenienza del materiale esplosivo non autorizzato. L’operazione è nata dal monitoraggio dei mercati rionali, dove in prossimità delle festività natalizie alcuni commercianti vendono anche fuochi d’artificio.

Galleria fotografica

Articoli correlati