Temperature polari nelle classi, scuola media di Cuorgnè chiusa. Questa mattina i quasi 300 bambini del plesso sono stati rimandati a casa. La decisione è stata presa dal dirigente scolastico, Federico Morgando, in accordo con i docenti. Nelle classi temperature compresi tra i 10 e i 12 gradi. Situazione insostenibile per i bambini che hanno quindi dovuto rinviare il rientro tra i banchi di scuola. Non è la prima volta che si verificano problemi con la caldaia dell'impianto ma non si erano mai raggiunte temperature così basse. «Oggi non era proprio possibile tenere i bimbi nelle aule - conferma il preside - avremmo messo a rischio la loro salute».

È probabile che la caldaia sia andata in blocco durante le vacanze di Natale. Da allora, nessuno ha effettuato dei controlli e questa mattina l'amara sorpresa. La scuola ha tempestivamente avvisato tutte le famiglie. È stata comunque garantita l'assistenza a quei pochi bimbi che non avevano modo di ritornare a casa. Sono in corso gli accertamenti dei tecnici del Comune per individuare il problema e far ripartire l'impianto di riscaldamento. L'auspicio è di poter riprendere regolarmente le lezioni già domattina. Sul posto, insieme ai tecnici, gli assessori Silvia Leto e Davide Pieruccini. (Marco Mussini)

Galleria fotografica

Articoli correlati