I vigili del fuoco hanno recuperato oggi a Traves, lungo il torrente Stura di Lanzo, il cadavere di un uomo in avanzato stato di decomposizione. Potrebbe trattarsi del tecnico telefonico di Volpiano scomparso lo scorso 22 novembre. Il 47enne era uscito di casa al mattino facendo perdere le proprie tracce.
 
I carabinieri della compagnia di Venaria Reale, però, in frazione Borgo di Germagnano, proprio vicino al ponte sullo Stura di Viù, hanno poi ritrovato la sua autovettura. In quei giorni il torrente era in piena a causa dell'ondata di maltempo che si è abbattuta su tutta la provincia di Torino. Tanto che i primi tentativi di ricerca, dopo il ritrovamento dell'auto, diedero esito negativo anche a causa della portata dei corsi d'acqua. Il corpo, oggi pomeriggio, è stato recuperato su segnalazione di un residente in frazione Rozello di Traves, proprio vicino alla confluenza con lo Stura di Viù.
 
Come da prassi la salma è stata trasportata alle camere mortuarie dell'ospedale di Lanzo a disposizione della procura di Ivrea. Serviranno probabilmente alcuni accertamenti tecnici per identificare la vittima. Se gli esami confermeranno l'identità del 47enne di Volpiano, secondo i primi riscontri dei militari dell'Arma, potrebbe trattarsi di un suicidio.

Galleria fotografica

Articoli correlati