Sono 95 gli anni trascorsi dal 1924, momento storico nel quale venne fondato il Gruppo Alpini di Favria. Un traguardo importante al quale il gruppo è giunto attraversando diversi periodi storici che hanno visto confluire tra le sue fila i reduci di entrambe le guerre mondiali. «Siamo a Favria da 95 anni e in tutti questi anni siamo sempre stati spinti dalla solidarietà e senso del dovere, sempre speso senza riserve. Una solidarietà che vive nel quotidiano del sabato pomeriggio nelle quali la sede resta aperta per accogliere i soci e simpatizzanti».

Per i festeggiamenti di questo importante traguardo delle 95 candeline il Gruppoo Alpini offre mercoledì 24 aprile alle 21 nel Salone Polivalente «Il concerto Alpino» della Filarmonica Favriese che sarà intercalato da brevi letture di riflessione sui valori alpini con la Comunità di Favria, ingresso libero. Giovedì 25 aprile ritrovo presso la sede in piazza della Repubblica a Favria alle ore 9,30 alle 10,45. Alzabandiera, ammassamento e sfilata per le vie di Favria. Ore 11,00 Santa Messa presso la Chiesa Parrocchiale SS Pietro Paolo e Michele. Ore 12,00 deposizione Corone ai monumenti e saluto delle Autorità. Ore 12,30 Pranzo presso Agriturismo La Desiderata di Agliè - Strada per Feletto 2. Prenotazione obbligatoria anticipata cell. 3496954363 – 3474269564 oppure presso la sede del Gruppo entro e non oltre il 15 aprile. Ore 18, ammaniabandiera. Sabato 1 giugno concerto del Coro Alpino Gruppo ANA di San Maurizio presso il Salone San Michele in piazza Martiri, vicino al Castello, ingresso libero.

Siamo tutti fieri dell’importante traguardo raggiunto dagli alpini favriesi, ed è davvero grande soddisfazione quella di poter festeggiare 95 anni di vita e presenza sul territorio. Una ricorrenza che ha il sapore di trascorsi, emozioni, impegno civile, dedizione al proprio paese e legami indissolubili. Il Gruppo Alpini di Favria può essere paragonato ad una grande famiglia che vive gioie e di lutti quando un iscritto compie il passo avanti. Un Gruppo in cui i componenti si impegnano alternandosi a seconda delle proprie doti e disponibilità con l’obbiettivo di proseguire con rinnovato entusiasmo e impegno guardando con fiducia al futuro. W gli alpini, ed evviva i Favriesi! (Giorgio Cortese)

Galleria fotografica

Articoli correlati