FAVRIA - Oggi ha posato lo zaino ed è andato avanti l’Alpino Costantino Stefanino, per tutti Nino, Consigliere del Gruppo Alpini di Favria, classe 1943. Mi piace ricordare Nino come Alpino tutto tondo per la sua umanità, la sua disponibilità le sue conoscenze sulla storia di Favria. Ho definito il compianto Nino con l’espressione tuttotondo da un modo di dire che nasce nel Seicento per indicare prima una scultura lavorata con accuratezza da tutte le parte ma poi per indicare come in questo caso una persona ricca di umanità, insomma un vero alpino che ci ha rappresentato come sono gli alpini in maniera esauriente. La mia non è presunzione se dico che Stefanino detto da tutti Nino d’la Braguna era una vera memoria vivente di Favria e delle sue tradizioni. 

In questa società sempre più allo sbando dove l’umanità della persona è stata messa ai margini poiché sostituita da interessi di altra natura la figura come Nino ci è stata essenziale per tramandare con la sua semplicità la cultura alpina. Sempre primo quando si organizzavano le feste sociale per apporre le bandiere nei vari monumenti. Una persona sempre umile che era facile incontrare la domenica mattina nel fare la pulizia fuori dalla sede senza chiedersi il perché ma fare la cosa giusta. 

Grazie Nino, per essere stato la nostra memoria storica, il nostro diario, il salvadanaio del nostro animo, quando raccontavi in sede negli incontri del sabato pomeriggio vecchi aneddoti favriesi e vecchi avvenimenti che erano il bagaglio della nostra umana esistenza. Ero affascinato nel parlare con Te, con la Tua onesta umiltà la storia diventava memoria vivente. Oggi hai posato lo zaino e sei andato avanti sulle alte cime del cielo dove incontrerai nella gloria del Signore i Tuoi cari e tutti i commilitoni alpini. Ciao Nino ci hai consegnato il testimone dei valori alpini e adesso sta a noi tramandarlo alle future generazioni, perché non c’è futuro senza memoria. (Giorgio Cortese)

Galleria fotografica

Articoli correlati