Treni in ritardo o peggio ancora soppressi, vagoni sovraffollati o sporchi, servizi sostitutivi non adeguati o inesistenti. Sono i disagi più frequenti con cui devono fare i conti i viaggiatori. Una situazione che da tempo ha superato il limite della sopportazione, soprattutto per chi prende il treno tutti i giorni per lavoro o studio. È per tutelare questi consumatori che Codici è impegnata a raccogliere le loro segnalazioni, portandole all'attenzione di autorità e società per far rispettare diritti troppo spesso ignorati o calpestati. L'associazione, in quest'ottica, esprime il suo apprezzamento per l'avvio da parte dell'Autorità di Regolazione dei Trasporti di procedimenti sanzionatori per il mancato adeguamento delle Carte dei Servizi alla disciplina dell’Autorità (delibera n. 106/2018) in materia di indennizzi, con riferimento ai diritti dei passeggeri ed in particolare quelli con mobilità ridotta, in materia di abbonamenti e più in generale sulle tempistiche massime per il riconoscimento del diritto all’indennizzo.

«Se le Carte dei Servizi non rispettano i parametri dell'Autorità - afferma il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – è giusto che le società vengano sanzionate e che i viaggiatori vengano risarciti per i disservizi subiti. Seguiremo il procedimento avviato dall'ART per far valere i diritti dei consumatori. Negli ultimi anni le condizioni di viaggio sono peggiorate - prosegue l'avvocato Giacomelli – per molti prendere il treno è diventato un incubo e questo non è più tollerabile». Codici è a disposizione dei viaggiatori, che possono inviare segnalazioni di disservizi e disagi allo Sportello Nazionale: segreteria.sportello@codici.org – 06.5571996.

«La situazione della Canavesana, la linea SFM1 che parte da Chieri, oltrepassa Torino e raggiunge Cuorgnè è qualcosa di indecente – dichiara il Responsabile di Codici Torino Ermanno Gariglio – spesso per percorrere 30 km di ferrovia e giungere a Torino ci si impiega oltre 2 ore, con ritardi medi che vanno dai 30 minuti ad un'ora in un percorso che dovrebbe essere di 30 minuti in tutto. Tutti i giorni. GTT per questa linea ha approntato una Carta dei Servizi molto esplicativa. Tante foto, la promessa del miglior servizio e nessun accenno ai rimborsi. Abbiamo raggiunto un centinaio di pendolari di questa linea sfortunata e insieme ci stiamo battendo per ottenere un servizio quanto meno decente».

Di seguito le imprese coinvolte nel procedimento dell'Autorità: Ente Autonomo Volturno Srl; Ferrotramviaria Spa; Ferrovie del Gargano Srl; Ferrovie del Sud Est e Servizi Automobilistici Srl; Ferrovie Emilia-Romagna Srl; Ferrovienord Spa; Gruppo Torinese Trasporti Spa; La Ferroviaria Italiana Spa; Sistemi Territoriali Spa; Società Ferrovie Udine-Cividale Srl; Società Unica Abruzzese di Trasporto Spa; TPER Spa; Trasporto Ferroviario Toscano Spa; Trenitalia Spa; Trenord Srl.

Galleria fotografica

Articoli correlati