Corse super affollate, guasti e passaggi a livello incastrati. Un'altra settimana di passione per i pendolari della ferrovia Canavesana. Ieri sera, martedì 29 ottobre, un treno è rimasto bloccato a pochi metri dalla stazione di Feletto a causa del passaggio a livello non funzionante, rimasto con le sbarre aperte anche con il convoglio in arrivo.

Sempre ieri sera, il treno delle 17.27 dalla stazione Stura è arrivato con un ritardo di trenta minuti e le persone stipate ovunque, come confermano le immagini scattate dai nostri lettori. «Al di là del ritardo accumulato dovuto ad un incendio verificatosi tra le stazioni di Porta Nuova e Porta Susa - segnalano i pendolari della linea - non è possibile che questi treni continuino ad essere così affollati con evidenti pericoli per la sicurezza dei pendolari». Per assurdo, invece, ieri mattina il treno delle 8.50 ha viaggiato con ben tre vagoni... praticamente vuoto.

Questa sera, mercoledi 30, i problemi si sono nuovamente presentati con puntualità, quella puntualità che evidentemente manca ai treni della Gtt. Il convoglio da Torino Porta Susa delle 17.49, in ritardo già di dieci minuti alla partenza, era composto da una sola carrozza e non tutti i passeggeri sono riusciti a salire.

La ferrovia Canavesana di Gtt passerà a breve sotto la diretta gestione di Rfi dal momento che l'azienda ha vinto l'appalto per l'intero Sistema Ferroviario Metropolitano di Torino. Il passaggio dovrebbe concretizzarsi nelle prime settimane del nuovo anno.

Galleria fotografica

Articoli correlati