Stanno facendo il giro del web le immagini dei pendolari della ferrovia Torino-Ivrea-Aosta rimasti letteralmente a piedi, ieri in mattinata, alla stazione di Candia Canavese. A causa di un guasto al sistema di distanziamento dei treni, un convoglio è stato prima bloccato in stazione e poi definitivamente cancellato, quando i responsabili si sono accorti che le riparazioni sarebbero andate per le lunghe. Questo, ovviamente, ha provocato ampi disagi agli utenti.

Inizialmente i passeggeri sono stati allertati di un possibile ritardo di venti minuti. Dopo trenta minuti di attesa, però, il capotreno è stato costretto ad avvisare i viaggiatori della soppressione del convoglio. Nel frattempo Trenitalia ha mandato due autobus per trasportare i circa cento pendolari fino a Chivasso. Così i passeggeri si sono ritrovati a marciare verso il centro di Candia, rigorosamente in salita, «chi con le valigie, computer da lavoro, zaini pesanti. E poi ancora in mezzo al paese, con gli occhi straniti degli abitanti che guardavano curiosi. Fino ad arrivare in piazza», come segnala una pendolare.

Chi ha proseguito in bus fino a Chivasso per poi salire su un altro treno regionale diretto a Torino è arrivato alle ore 12 a Porta Nuova, cioè con un'ora e mezza di ritardo. Le immagini della «transumanza» dei pendolari sono state pubblicate sul gruppo Facebook «Ivrea Libera». Non è la prima volta che si segnalano problemi simili sulla linea Torino-Chivasso-Ivrea-Aosta.

Galleria fotografica

Articoli correlati