Dopo la grande paura ora è tempo di rimboccarsi le maniche per ripartire. A Belmonte le ferite inferte dall'incendio di lunedì e martedì sono purtroppo estramamente evidenti. Tuttavia se non fosse stato per il pronto intervento di Aib e vigili del fuoco, i danni si sarebbero sicuramente estesi anche alle abitazioni della zona. Un'operazione quella al Sacro Monte di Belmonte, che comprendeva un fattore rischio altissimo dato soprattutto dalla componente vento che ha spingeva le fiamme velocemente e dando loro improvvisi cambi di direzione.

400 gli ettari colpiti dall'incendio e messi in sicurezza in meno di 18 ore. Operazioni di bonifica post incendio che sono proseguite anche nella giornata di martedì e che sono continuate anche nei giorni successivi, con una copertura di 18 ore al giorno e 25 volontari Aib impegnati nell'arco delle giornate, comprese le ore serali. «Questa sera è prevista la chiusura definitiva delle operazioni. Un ringraziamento a tutte le squadre del corpo Volontari AIB del Piemonte, giunte da tutte le province a dar supporto con uomini e mezzi, a tutti i Volontari AIB e ai VVF che hanno fatto sì che il sistema funzionasse».

Galleria fotografica

Articoli correlati