Gtt informa che da domenica primo dicembre saranno in vigore le nuove tariffe del servizio di trasporto pubblico nel settore extraurbano e nell’area “Formula”. Le nuove tariffe sono state deliberate il 23 ottobre dall’Agenzia per la Mobilità Piemontese e saranno adottate dalle aziende di trasporto per coprire gli oneri dell’inflazione dal 2015 al 2018, anni in cui le tariffe non hanno subito variazioni. L’aumento medio dei biglietti e degli abbonamenti sarà del 2,8%. Ulteriori informazioni su modalità ed importi delle tariffe extraurbane e del servizio Formula sul sito www.extrato.it e sui siti aziendali delle aziende di trasporto del consorzio.

La tariffa ferroviaria urbana passa dagli attuali € 1.50 a € 1.70. Gli abbonamenti mensili, plurimensili ed annuali con le nuove tariffe per dicembre saranno in vendita dal 25 novembre nelle rivendite, e dal 1° dicembre si potranno acquistare i titoli di viaggio settimanali ed i biglietti di corsa singola.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTI GLI AUMENTI

Ovviamente i pendolari di tutto il Canavese non hanno preso «benissimo» la decisione di aumentare biglietti e abbonamenti. Una decisione assurda a fronte dei costanti disservizi, specie della ferrovia Canavesana. E' già in corso una raccolta firme su internet contro la decisione su www.change.org: la raccolta firme si chiama NO ALL'AUMENTO DELLE TARIFFE e STOP ai continui disservizi linea GTT Pont-Rivarolo-Chieri (si può firmare CLICCANDO QUI).

«Ogni giorno centinaia di pendolari si trovano costretti a subire continui disservizi, che partono dalla prima e cessano con l'ultima corsa del giorno, sulla linea della GTT Pont-Rivarolo-Chieri. Questi disservizi causano disagi agli studenti e ai lavoratori che, per forze di causa maggiore, sono costretti a prendere il treno per raggiungere Torino. Dopo aver deciso di tagliare fuori da diverse corse la stazione di Feletto, dopo che i passeggeri si ritrovano fermi svariati (inutili) minuti dentro le gallerie o fermi senza possibilità di poter prendere aria, in mezzo al nulla per motivi non specificati dal capo treno o dopo interi viaggi fatti con solo due vagoni (alle 8 del mattino, durante i giorni della settimana, con un numero spropositato di persone schiacciate fra loro e non in sicurezza), arriva la notizia delle nuove tariffe. Non potendo chiederlo in altro modo, con questa raccolta firme pretendiamo un miglioramento del servizio che sia all'altezza degli abbonamenti che paghiamo tutti gli anni e anche l'annullamento dell'aggiornamento delle tariffe».

Galleria fotografica

Articoli correlati