A conclusione degli accertamenti sulla presunta "scomparsa" dell'altra sera, i carabinieri della compagnia di Ivrea hanno denunciato alla procura del Tribunale dei minori la sedicenne che, martedì sera, ha chiamato il 112 fingendo di essersi persa in un bosco di Borgofranco. La ragazza dovrà adesso rispondere di procurato allarme.

La sedicenne, infatti, con la sua telefonata, ha mobilitato decine di persone tra carabinieri e vigili del fuoco che, in risposta alla chiamata di soccorso, hanno iniziato a cercarla tra i boschi di Borgofranco. In realtà la sedicenne, dopo aver dato l'allarme alle 21.30, ad un certo punto è andata serenamente a dormire. Soltanto alle 3 di notte ha riacceso il telefono cellulare. Ed è allora che è stata localizzata a casa, in un alloggio di Ivrea.

Quando i carabinieri le hanno chiesto le doverse spiegazioni per l'accaduto, è stata la stessa sedicenne ad ammettere di essersi inventata tutto di sana pianta. Voleva «fare colpo» su un ragazzo. E sicuramente è riuscita nell'intento. Solo che le conseguenze saranno decisamente diverse rispetto a quelle che lei si aspettava...

Galleria fotografica

Articoli correlati