La sentenza, pronunciata dal giudice Elena Stoppini, è arrivata mercoledi scorso. Quattro anni e mezzo di reclusione per Sabrina Javanovic, giovane rom di 23 anni che il 23 dicembre del 2016 entrò in una casa di via Salvo D'Acquisto ad Ivrea, forzando una finestra del piano rialzato, per poi rubare dei regali da sotto l'albero per un valore di circa 2000 euro tra giocattoli, accessori griffati e gioielli.

Inoltre la ragazza portò via anche dei contanti di valuta americana, un passaporto annullato e due visti. La famiglia si accorse del furto quando tornò a casa e qualche giorno dopo la denuncia, durante le pulizie domestiche, trovò un'impronta digitale su un vetro che grazie alle analisi scientifiche portò al nome, già schedato per furto, di Sabrina Javanovic. Per la giovane donna, attualmente detenuta per altri reati all'interno del carcere di Firenze, quattro anni e mezzo di reclusione e 1000 euro di multa per furto in abitazione. (G.g.)

Galleria fotografica

Articoli correlati