Controlli su tutto il territorio del Canavese, nel corso delle ultime ore, da parte dei carabinieri della compagnia d'Ivrea. I militari hanno complessivamente denunciato sette persone. In un caso è scattato l'arresto.
 
Nel dettaglio, ad Albiano d'Ivrea, è stato denunciato un pensionato di 59 anni, residentea a Torino, per minaccia e porto di oggetti atti a offendere. L’uomo, alla guida della propria autovettura, a seguito di un diverbio scaturito per futili motivi con un altro automobilista, lo ha pesantemente minacciato.  In auto deteneva un cutter che è stato subito sequestrato dai carabinieri. 
 
Un operaio di 55, invece, è stato denunciato a Ivrea per il reato di minacce e getto pericoloso di cose. L’uomo ha più volte ingiuriato e minacciato (per motivi ancora al vaglio degli inquirenti) una coppia di coniugi e ha esploso alcuni petardi davanti alla loro casa. All’uomo è stato notificato una  misura cautelare del divieto di avvicinamento alla famiglia "rivale". I militari hanno anche arrestato un operaio di Ivrea di 49 anni per guida in stato di ebrezza alcolica e porto illegale di un coltello.
 
A San Giorgio Canavese, i carabinieri di Pont hanno denunciato due operai albanesi di 24 anni perché, sottoposti a controllo, sono stati trovati in possesso, a bordo della loro autovettura, di materiale da scasso. Sempre a San Giorgio Canavese, i militari hanno denunciato un ambulante marocchino di 30 anni per il furto di una borsa rubata ad una pensionata di Cuceglio
 
Infine per il reato di furto in concorso e possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli, i carabinieri di Settimo Vittone hanno denunciato due cittadini marocchini, di 29 e 62 anni, entrambi residenti in San Giorgio Canavese, per furto di rame all’interno di un deposito di Quassolo.
 

Galleria fotografica

Articoli correlati