Torna d'attualità la situazione del carcere di Ivrea. Non solo per le celle ormai stracolme di detenuti ma anche per i problemi strutturali che non vengono risolti. Per questo motivo l'Osapp, il sindacato autonomo della polizia penitenziaria, ha presentato un esposto per chiedere la verifica dell'agibilità dell'intera struttura dal momento che, da ottobre, non è più in funzione il sistema antincendio. La richiesta di intervento è stata spedita al comando provinciale dei vigili del fuoco.

Secondo l'Osapp, infatti, «trattandosi di una struttura in cui si trovano circa 270 detenuti ed operano almeno altri 200 operatori ogni giorno, appare del tutto superfluo sottolineare che l’intervento è richiesto con la dovuta quanto cortese sollecitudine in quanto si tratterebbe, laddove verificato, di una palese violazione di legge». L'eventuale inagibilità della struttura, ovviamente, porrebbe altri problemi all'amministrazione penitenziaria. Tra l'altro alcune delle problematice segnalate dal sindacato della polizia penitenziaria erano già state sottolineate (anche al prefetto di Torino) lo scorso 12 novembre, quando l'Osapp aveva spedito una nota a tutti gli organi competenti segnalando alcune criticità, compreso il sistema antincendio fuori uso. Da allora, però, non è cambiato nulla: gli attesi lavori, infatti, non sono mai partiti.

Galleria fotografica

Articoli correlati