Ottantotto anni e la consapevolezza che, probabilmente, quei luoghi non li vedrà più. Così, durante il trasferimento in ambulanza, chiede di vedere il mare per un'ultima volta. E i volontari della croce rossa accosentono. Fermano il mezzo, spalancano le porte e permettono all'anziano di dare un'occhiata al mare, al «suo» mare. Quello della Toscana. E' successo l'altro giorno nel tragitto tra Marina di Carrara e Ivrea, nel corso del trasferimento di un anziano paziente diretto in Canavese.

Ha chiesto di poter vedere per l'ultima volta il mare della sua terra. Così l'ambulanza si è fermata e ha esaudito quel desiderio. Con il benestare della famiglia, i volontari hanno diretto il mezzo verso il lungomare di Carrara e poi, in uno spiazzo che si affaccia sulla spiaggia, hanno dato la possibilità di guardare il mare al pensionato. La foto è stata pubblicata proprio dai volontari della Croce Rossa attraverso i social e spiega più di tante parole quello che è successo.

Un desiderio esaudito per l'anziano paziente, una prova di estrema umanità per il volontari. «Volevo ringraziare i quattro angeli volontari della croce rossa di Ivrea - segnala il figlio dell'88enne sui social - che ci hanno aiutato a trasportare il mio babbo in ambulanza da Carrara a Ivrea... e hanno acconsentito a fargli vedere, forse per l'ultima volta, il mare. Grazie Tiziana, Debby, Maurizio e Alessandro e naturalmente alla mia stupenda sorella che ha viaggiato con loro. Siete stati spettacolari».

Galleria fotografica

Articoli correlati