Il 12 dicembre al Polo universitario Officina H di Ivrea partirà il primo corso del Recovery College eporediese. 
Il Recovery College rappresenta una novità non indifferente: è un luogo di formazione, ma allo stesso tempo contribuisce all'arduo viaggio verso il recupero del benessere personale per chi affronta problemi di salute mentale. Ci sono i diversi cataloghi formativi con i vari corsi e docenti, infatti funziona come una vera e propria università: chi si iscrive diventa realmente uno studente.  La singolarità di questo College è che i docenti sono sia esperti tecnici del settore, ma anche persone che hanno vissuto e vivono sulla propria pelle il disagio mentale e la soffrenza tutti i giorni, così come anche i loro familiari. 

Queste tre realtà permettono di approfondire i temi proposti in modo più ampio, tanto da fornire una visione più libera dai pregiudizi.  Chiunque può iscriversi: il Recovery è un modo di riscoprire nelle abilità della persona stessa il mezzo per recuperare il valore di una esistenza fortemente limitata da sintomi e disturbi mentali. 

E' un percorso unico per ogni individuo, con l'obiettivo di riaccendere le speranze per riscoprire il valore di una vita piena.  Il Recovery College nasce per promuovere questo cambiamento: questo progetto sarà gestito congiuntamente dalla Fondazione Casa dell'Ospitalità, dall'ASL TO4 e dall'Università di Torino/corso di infermieristica di Ivrea. Gode anche di un parziale sostegno finanziario da parte della Fondazione di Comunità del Canavese. Il primo corso, che coprirà due intere giornate, sarà rivolto soprattutto a "formare i formatori"; sarà gestito da due associazioni di Trento, esperte e pioniere nella diffusione della Recovery in Italia. (F.b.)

Galleria fotografica

Articoli correlati