IVREA - Si è chiuso con l'arresto di un cittadino marocchino di 26 anni l'intervento dell'altra mattina alla stazione ferroviaria di Ivrea. L'uomo è stato notato da una capotreno, sabato verso mezzogiorno, attraversare i binari della stazione, barcollante, con in mano una bottiglia di birra in vetro. Successivamente, negli uffici della stazione ha baciato in fronte una signora, che, mantenendo la calma, ha approfittato del momento per sfilargli di mano la bottiglia.  

Raggiunto dalla capotreno e dal dirigente di movimento di Trenitalia, l’uomo è diventato aggressivo e minaccioso nei loro confronti, tanto da richiedere l’intervento degli agenti del commissariato di Ivrea e Banchette della polizia. Anche nei loro confronti, il cittadino marocchino si è dimostrato particolarmente aggressivo, minacciandoli di morte e danneggiando con calci la volante sulla quale è stato poi trasportato negli uffici del commissariato.

Dopo aver urinato all’interno dell’autovettura di servizio, al momento della discesa dall’autoveicolo, il ventiseienne ha opposto una resistenza ancora più forte ed ha spezzato con le mani l’antenna della radio portatile di un agente. L’uomo è stato quindi arrestato per violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato, e denunciato per aver causato lievi lesioni agli agenti intervenuti.

Galleria fotografica

Articoli correlati