Insulti, minacce e colpi di sedia in testa. E' stato ferito così, giovedì sera, un negoziante cinese di Leini, titolare di un bazar in via Lombardore. Due persone hanno atteso che dentro il negozio non ci fosse nessuno poi sono entrati e hanno preso di mira il titolare. Una spedizione punitiva durata alcuni secondi, il tempo necessario per ferire al capo il 40enne con una sedia. L'uomo, quando gli aggressori se ne sono andati, è uscito dal negozio e, visibilmente ferito, ha chiesto aiuto ai passanti. Alcuni automobilisti si sono fermati e hanno chiamato il 118.

Il 40enne è stato trasportato in ambulanza all'ospedale Giovanni Bosco per gli accertamenti del caso: se l’è cavata con una prognosi di sette giorni a causa di un trauma cranico e una ferita occipitale, subito suturata dai medici del nosocomio torinese. I carabinieri di Leini, invece, si sono immediatamente messi sulle tracce degli aggressori, partendo dalla descrizione che la vittima ha fornito subito dopo l'aggressione.

Ieri mattina, dopo alcune ore di accertamenti, i militari dell'Arma hanno identificato i due fuggitivi. Sono un trentenne e un 35enne residenti in zona, anche loro cinesi. Dovranno rispondere di lesioni. Al momento sono ancora in corso le indagini per capire le motivazioni dell'aggressione. Al vaglio degli inquirenti una questione economica legata al doppio passaggio di proprietà di quel negozio e a presunti ritardi nei pagamenti (foto d'archivio).

Galleria fotografica

Articoli correlati