Resta agli arresti domiciliari l'ex sindaco di Leini, Nevio Coral. La procura generale presso la Corte d'Appello di Torino ha emanato un nuovo provvedimento che consente all'ex primo cittadino di restare a casa per scontare la pena. Coral deve scontare otto anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Finì in manette nell'ambito dell'operazione Minotauro che rivelò una serie di infiltrazioni della 'ndrangheta in diverse amministrazioni pubbliche della zona. Inchiesta che, un anno dopo, portò anche al commissariamento dei Comuni di Leini e Rivarolo Canavese.

Coral, 79 anni, fino all’ottobre del 2017 è rimasto nel carcere di Alessandria. Visto l'aggravarsi delle sue condizioni psico-fisiche, i medici della struttura optarono, con il tribunale di sorveglianza, per i domiciliari. La detenzione a casa sarebbe dovuta durare solo un anno ma visto che le condizioni del 79enne non sono migliorate, la procura generale ha confermato il regime detentivo domiciliare. Coral potrebbe quindi terminare il periodo in stato di arresto, che finirà nel febbraio 2022, direttamente nella propria abitazione di Leini visto che ha già scontato cinque anni di pena.

Galleria fotografica

Articoli correlati