Le intense precipitazioni dei giorni scorsi hanno creato numerose criticità sulla viabilità della Città metropolitana, tecnici e cantonieri stanno lavorando per il più rapido ripristino possibile, e stanno riaprendo gran parte delle strade che sono state chiuse. Fra queste, ha riaperto ieri sera la provinciale 50 di Ceresole Reale, chiusa dal km 0+100 per pericolo valanghe: la frazione Villa era raggiungibile solo con una pista da fondo e non era stato possibile ripristinare l’energia elettrica fino allo stabilizzarsi del manto nevoso. Ora permangono chiusure parziali. In fase di sgombero – tempo permettendo - da una valanga anche la provinciale 64 di Traversella, dove la strada è stata interrotta in direzione di Fondo a causa di una slavina (nella foto che ci ha gentilmente inviato un lettore via whatsapp).

Sono ancora chiuse:
- la sp. 1 di Ceres nel territorio di Balme dal km 45;
- la sp 50 di Ceresole chiusa dal km 0 al km 0+800 e dal km 2+800 a fine percorrenza.
- la sp. 64 nel comune di Traversella è chiusa dal km 15+100;
- La sp 117 nel comune di Castiglione torinese, chiusa al km 2+000 in località Tetti Francesi;
- Il guado di Zucchea, sulla sp 152 nel comune di Cavour al km 6+000;
- la sp 243 di “Vauda inferiore” dal km 0+000 al km 1+100 ;
- la sp .246 nel comune di Coassolo è chiusa al km 0+900 (frazione Frui);
- la sp. 419 della “Serra” dal km. 10+400 e la sp 221 di “Andrate” dal km 10+700 al km 10+800;

Hanno riaperto in queste ore:
- la sp. 46 nel comune di Pont Canavese-Frassinetto con senso unico alternato dal km 6+000 al km 9+500;
- La sp. 48 nel comune di Castellamonte, prima aperta solo ai residenti, è ora aperta a tutti.
- la sp. 80 nel comune di Caravino con senso unico alternato al km 10 +800;
- la sp. 97 nel comune di Cinzano con senso unico alternato al km 10+900;
- la sp. 167 nel comune di San Pietro Val Lemina con senso unico alternato al km 2+600 ca. (Viale Europa).

Galleria fotografica

Articoli correlati