Tonengo di Mazzè in lutto per la tragica scomparsa di Roberto Peretto, 36 anni, il centauro che oggi pomeriggio è morto a Rondissone, sulla provinciale 90, in sella alla propria motocicletta Yamaha R1. Il 36enne è rimasto vittima di un incidente stradale all'incrocio tra via XX Settembre e via Carpi, allo svincolo che porta all'autostrada Torino-Milano. La moto del 36enne, molto conosciuto in paese, è finita sotto un carro attrezzi che stava uscendo da un'officina.

L'impatto è stato tremendo. La moto si è incastrata sotto il mezzo pesante e per recuperare il mezzo si è reso necessario l'intervento dei vigili del fuoco di Chivasso. Nei campi vicino alla provinciale (chiusa per circa due ore per permettere l'afflusso dei mezzi di soccorso) è atterrato l'elicottero del 118 e quello dell'elinucleo di Caselle dei vigili del fuoco. Purtroppo per lo sfortunato centauro non c'è stato niente da fare. L'impatto con il carro attrezzi è stato violentissimo: il 36enne è praticamente morto sul colpo.

Toccherà adesso ai carabinieri della compagnia di Chivasso chiarire la dinamica del sinistro. I mezzi, come da prassi, sono stati sequestrati. Il corpo del 36enne è stato trasportato all'ospedale di Chivasso a disposizione della procura di Ivrea. Alla guida del camion c'era un 57enne albanese residente in provincia di Vercelli.

Galleria fotografica

Articoli correlati