Finti carabinieri tentano di ammanettare la vittima di turno e gli svaligiano la casa. E' successo l'altra sera a Mercenasco, in frazione Villate. Un pensionato di 80 anni è stato avvicinato da due malviventi che, con pettorine e tesserini, ovviamente falsi, si sono spacciati per militari dell'Arma. Quando hanno chiesto di poter visionare contanti e gioielli custoditi in casa, l'ottantenne si è insospettito e ha tentato di farli uscire.

A quel punto, sotto lo sguardo terrorizzato della moglie, uno dei truffatori ha estratto delle manette e ha bloccato l'anziano. Poi, visto che il pensionato ha iniziato a collaborare, lo stesso balordo gli ha tolto le manette. A quel punto i due hanno preso soldi, gioielli, un fucile da caccia, una pistola e sono rapidamente fuggiti forse attesi, di fronte all'abitazione svaligiata, da un terzo complice. Quando a Villate, chiamati dai vicini, sono arrivati i carabinieri (quelli veri), i malviventi si erano già dileguati.  

Non è la prima volta che, in zona, agiscono bande di ladri senza scrupoli. A volte la truffa (purtroppo) va a buon fine, senza che le vittime si rendano conto del raggiro. Quando invece, come successo a Mercenasco, il proprietario di casa si accorge di quanto sta accadendo, i balordi non esitano ad usare la violenza. Così l'ennesima truffa ai danni degli anziani si è trasformata in una rapina.

Galleria fotografica

Articoli correlati