Nove anni fa due appassionati hanno iniziato a realizzare presepi artigianali nelle proprie cantine, tutte rigorosamente fatte con il tipico stile della volta a botte di mattoni. Da allora Montestrutto dall'otto dicembre al 6 gennaio si trasforma in un museo a cielo aperto. Ogni finestra, ogni muretto diventa location perfetta per una piccola opera che celebra la tradizione del Natale. E da settembre, le persone della frazione usano questa occasione per trovarsi ed esprimere la loro creatività, realizzando insieme i piccoli grandi progetti che vengono esposti.

Difficile descrivere l’atmosfera che si respira nel Borgo sotto Natale. Chi ci vive sa che la sera, entrando nel paesello, viene accolto dalla musica in filodiffusione, dalle lucine, dalla gente che viene a visitare. Bellissimo vedere tanti nonni con i bimbi per mano, gruppi di amici che si ritrovano, famiglie. Per questo sono le immagini, più delle parole, ad esprimere la magia che si respira nella frazione di Settimo Vittone tra l’Immacolata e l’Epifania. Il borgo diventa un vero presepe a cielo aperto, che racconta di una piccola comunità, delle sue tradizioni, della sua voglia di buono.

Montestrutto è pronta per la nona edizione che si aprirà l’8 dicembre fino al 6 gennaio, con l’arrivo delle Befane alle 17, trasformandosi in un luogo dove il Natale si respira. Per tutto il periodo natalizio la mostra dei presepi lungo le vie sarà allietata da musiche in filodiffusione. Le mostre interne saranno aperte dal 9 dicembre al 6 gennaio festivi e prefestivi pomeriggio e sera, mentre dal 22 dicembre al 6 gennaio anche le sere feriali.

Galleria fotografica

Articoli correlati