I carabinieri del Nucleo Investigativo, in collaborazione con i colleghi della compagnia di Ivrea, hanno arrestato due persone residenti in Canavese ritenute responsabili dell’omicidio di Gabriele Raimondi, 47 anni, di San Giusto Canavese, colpito all'addome nel corso di una sparatoria avvenuta sabato 30 settembre, fuori da una villetta di Montalenghe, durante la quale è rimasto ferito, in modo lieve, un brigadiere del nucleo operativo di Ivrea.

La vittima è morta al Cto, dove era stata trasportata, per choc emorragico. Il brigadiere, colpito al gomito, è stato sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere alcune schegge del proiettile.

Il comandante provinciale, Emanuele De Santis, si era recato in ospedale subito dopo la sparatoria per sincerarsi delle condizioni del carabiniere. Il movente è da ricondursi a dissidi di carattere economico emersi in ambiente criminale.
 
L’indagine è stata coordinata dal Dott. Giuseppe Drammis della Procura di Ivrea.
 
Ore 11, al comando provinciale carabinieri di Torino, conferenza stampa di presentazione dell’attività

Galleria fotografica

Articoli correlati