Dall'ergastolo a venti anni di reclusione. La Corte d'Appello di Torino ha ridotto la condanna nei confronti di Mario Perri, 57 anni, residente a Rivarolo Canavese, killer del panettiere di Feletto, Pierpaolo Pomatto, 66 anni. La condanna è passata dall'ergastolo a vent'anni di reclusione. Caduta l'accusa di rapina, venute meno le aggravanti nei confronti dell'imputato, i giudici di Torino hanno dato peso alle circostanze attenuanti per formulare la nuova condanna. La decisione della Corte d'Appello è già definitiva: la procura di Ivrea, infatti, che aveva seguito il caso, non ha presentato ricorso in Cassazione.
 
L’omicidio avvenne il 19 gennaio 2016 nelle campagne di Rivarolo, a due passi dalle case della frazione Vesignano. Pomatto fu ucciso con un colpo di pistola sparato alla nuca. Le celle telefoniche furono determinanti per arrivare a Perri che, un mese dopo il delitto, venne arrestato dai carabinieri di Rivarolo e del nucleo investigativo di Torino. Per diverse settimane negò ogni addebito, poi, a sorpresa, confessò il delitto davanti al giudice per le indagini preliminari. Perri, secondo la sua versione, avrebbe sparato per difendersi dall'aggressione dell'ex panettiere.

Galleria fotografica

Articoli correlati