I carabinieri del nucleo investigativo di Torino, insieme ai colleghi della stazione di Rivarolo Canavese, hanno fermato l'altra mattina M.P., un pregiudicato di Rivarolo, ritenuto coinvolto nell'assassinio di Piepaolo Pomatto, l'uomo di 66 anni di Feletto trovato morto un mese fa a Vesignano. E' stato ucciso con un colpo di pistola alla nuca.

Alle 16 al comando provinciale, salvo imprevisti, i carabinieri e il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, illustreranno i dettagli delle indagini che hanno portato al fermo del rivarolese. Già ieri era trapelata la notizia di un uomo indagato per l'assassinio del 66enne di Feletto. A breve dovrebbe arrivare la convalida del fermo. I militari dell'Arma hanno lavorato a lungo sui profili dell'uomo ucciso a Vesignano, andando a scavare nel suo recente passato. Alcune frequentazioni non sono sfuggite ai carabinieri e proprio dai rapporti di Pomatto è stato possibile risalire a chi lo ha ucciso.

L'inchiesta è stata coordinata dal pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. 

Galleria fotografica

Articoli correlati