Dopo Castellamonte, tocca a Rivarolo. A una settimana esatta dalla manifestazione di protesta nella città della ceramica, oggi pomeriggio una ventina di migranti sono scesi in strada anche a Rivarolo, di fronte all'hotel Europa. Hanno piazzato numerosi cartelli sugli alberi della via e hanno manifestato tutto il loro malcontento. Chiedono maggiore considerazione. I responsabili della cooperativa che gestisce l'accoglienza all'hotel Europa sono immediatamente intervenuti per calmare le acque. Molti profughi sono spaventati e chiedono certezze: dopo diversi mesi trascorsi in giro per l'Italia non sanno dove potranno essere collocati.

A quanto pare ad organizzare la protesta è stato un ospite che, domani, è atteso in prefettura per un probabile trasferimento altrove. Sul posto è intervenuto anche il sindaco Alberto Rostagno. «E' stata la protesta di una minoranza rispetto agli 85 che sono attualmente ospiti in città - spiega il primo cittadino di Rivarolo - nel giro di qualche decine di minuti la situazione è comunque tornata alla normalità. I ragazzi, quasi tutti originari del Mali, sono stati probabilmente strumentalizzati da un solo soggetto che ha organizzato la protesta». 

Come detto la protesta segue di una settimana un'analoga manifestazione che ha visto protagonisti otto ragazzi del Mali ospiti di una comunità psichiatrica di Castellamonte.

Galleria fotografica

Articoli correlati