RIVAROLO CANAVESE - «Gli episodi ripetuti di aggressioni e danneggiamenti da parte di un ex-richiedente asilo ghanese ai danni di un albergo rivarolese sono la prova del malfunzionamento del sistema, che non è in grado di fermare chi delinque». Forza Italia Canavese stigmatizza la situazione, puntando il dito contro i provvedimenti che vanificano l’operato delle forze dell’ordine.

«E’ evidente che le regole debbano essere riscritte: così non può funzionare – commenta il consigliere regionale Mauro Fava – non è ammissibile che una persona, profugo o meno non importa, possa reiterare più volte violenze e danneggiamenti a strutture private e ogni volta ritornare libero dopo poche ore dall’arresto. Simili individui sono pericolosi per la comunità e vanno fermati: serve la certezza della pena e, nel caso degli stranieri, la certezza dell’espulsione dal nostro territorio».

Non è stato solo un imprenditore rivarolese, però, a subire le aggressioni del profugo. «Va fatto un plauso alle forze dell’ordine, che fanno il possibile per assicurare i delinquenti alla giustizia, anche se i loro sforzi sono inutili, se poi chi viene arrestato torna in libertà in men che non si dica – aggiunge il referente di Forza Italia per il Canavese, Aldo Raimondo – i carabinieri di Rivarolo sono stati a loro volta aggrediti con violenza dal profugo in evidente stato di alterazione. A loro va tutta la nostra solidarietà e il ringraziamento per l’attività svolta per la sicurezza dei nostri paesi, pur se in una situazione di organico ridotto».

Galleria fotografica

Articoli correlati