Primo giorno di scuola per i profughi dell'hotel Europa, impegnati nel servizio di assistenza e vigilanza del mercato cittadino di Rivarolo Canavese. Primo giorno con promozione. Gente contenta, abusivi nei parcheggi quasi del tutto assenti, zingari rom allontanati dalle piazze. L'esperimento sembra funzionare. Alle 8, quando i venti ragazzi hanno preso servizio insieme ai volontari dell'associazione Ginestrese, un nutrito gruppo di zingari, composto da circa una decina di persone, aveva già preso "possesso" dell'area parcheggio del mercato. Alla vista dei volontari, i nomadi hanno preferito andarsene. 
 
«Il progetto funziona» esultano da palazzo Lomellini. Tanto più che la decina di volontari, visto l'entusiasmo che si è creato attorno all'iniziativa, è praticamente raddoppiata: stamattina c'erano più di venticinque ausiliari, tra profughi dell'Europa e volontari della Ginestrese. Un servizio apprezzato, soprattutto, dagli utenti del mercato. Aperto, ovviamente, anche a tutti i rivarolesi che vorranno dare una mano, come l'amministrazione ha più volte confermato.
 
L'ausilio dei volontari, chiaramente, non potrà risolvere del tutto il problema degli abusivi nei parcheggi ma, da questa mattina, è stato fatto un notevole passo avanti. Per la sicurezza degli utenti, in primis, e anche per il decoro dell'area mercatale. L'esordio, insomma, è stato positivo. Ora bisognerà consolidare il progetto per fare in modo che la presenza degli steward diventi una consuetudine.

Galleria fotografica

Articoli correlati