Il Dipartimento di Prevenzione dell’Asl To4, diretto dal dottor Giovanni Mezzano, organizza un corso di formazione gratuito sulla celiachia e sull’alimentazione senza glutine, in collaborazione con l’Asl To3 (coordinamento regionale) e l’AIC (Associazione Italiana Celiachia Piemonte Valle d’Aosta), grazie al finanziamento stanziato dalla Regione Piemonte. Destinatari del corso sono gli Operatori del Settore Alimentare (laboratori artigianali, ristoratori, albergatori) del territorio dell’Asl To4.

Il percorso formativo, che si svolgerà presso l’Istituto Alberghiero Salesiano di San Benigno Canavese (piazza Guglielmo da Volpiano, 2), è così suddiviso:
•    corso base teorico di 4 ore rivolto a tutti gli esercenti che vorranno acquisire notizie generali sulla celiachia e indicazioni sulle problematiche dell’approccio al servizio senza glutine (si svolgerà il 3 ottobre 2018 dalle 14 alle 18);
•    corso teorico-pratico di 4 ore con approfondimento e sviluppo della parte teorica, seguita dalla parte pratica tenuta da uno chef esperto di cucina senza glutine (si svolgerà il 10 ottobre 2018 dalle 14 alle 18).
Inoltre, per coloro che intendano avvalersi della possibilità di essere inseriti nell’elenco degli esercizi senza glutine, sponsorizzati dalla AIC, sono previsti ulteriori due incontri di formazione specifica e verifica requisiti, sempre gratuita, con personale AIC, presso la propria azienda.

È requisito indispensabile la presenza del titolare dell’attività o di un suo delegato (legale rappresentante) e dell’addetto alla preparazione e/o cuoco e/o pizzaiolo e/o barista, nel caso in cui l’esercizio offrisse più di un servizio. Le iscrizioni devono essere effettuate entro il prossimo 30 settembre presso la Segreteria organizzativa dell’ASL TO4 (via Cavour 29, Ciriè; referente dottor Giuseppe Russo; telefono 011 9217623-638; fax 011 9217624). I posti sono limitati, pertanto saranno ammessi al corso 50 partecipanti in base all’ordine di iscrizione.

La celiachia è l’intolleranza alimentare più diffusa al mondo e si stima che interessi l’1% della popolazione generale. La dieta senza glutine è, allo stato attuale delle conoscenze, l’unica terapia della celiachia. L’aumento dei consumi alimentari fuori casa, dovuto ai nuovi stili di vita e di lavoro, interessa tutta la collettività, comprese le persone affette da celiachia e le loro famiglie. Per questo motivo nasce l’esigenza di formare il personale degli esercizi pubblici, affinché anche un soggetto celiaco possa realizzare la propria socialità, consumando serenamente un pasto senza glutine fuori casa.

Galleria fotografica

Articoli correlati