Shock e dolore a San Benigno Canavese per la morte del dottor Paolo Cavalla, medico di famiglia. L'uomo, ieri sera, in un albergo di Cairo Montenotte (in provincia di Savona), si è tolto la vita con un'iniezione letale di cloruro di sodio. Non si era più ripreso dal suicidio del figlio che il 17 agosto del 2017, a San Benigno Canavese, si tolse la vita sparandosi con il fucile del padre (link sotto). Il ragazzo aveva solo 15 anni.

La notizia della morte del medico, questa mattina, si è rapidamente diffusa in tutto il paese dove il 53enne era stimato e molto conosciuto. Sgomenti i pazienti, così come i famigliari. L'uomo ha lasciato la moglie e altri tre figli. Si era allontanato volutamente dal Canavese e, sfruttando le proprie conoscenze mediche, ha deciso di farla finita con un'iniezione letale. Quando sono arrivati i soccorsi, ieri sera, non c'è stato più niente da fare. A quanto pare il dottor Cavalla non si era confidato con nessuno. Nemmeno gli amici più stretti erano a conoscenza del suo periodo difficile che, purtroppo, è sfociato nel gesto anticonservativo.

Galleria fotografica

Articoli correlati