SAN GIUSTO CANAVESE - Il corpicino esile di un bambino di sei anni, scosso da un continuo moto involontario, su cui campeggiano due occhi scuri e pieni di vita. È così Nicolò, attento e vispo, sul divano di casa sua a San Giusto Canavese mentre i suoi familiari si alternano nel contenere fisicamente il loro piccolo affetto dalla sindrome di Lesch-Nyhan, malattia rarissima e di difficile diagnosi che causa acido urico alto e spesso calcoli renali, impossibilità nel controllare i propri muscoli oltre ad un comportamento compulsivo che può portarli anche a farsi male.

«Serve un mezzo, come è stato per Gioele - commenta il consigliere regionale Andrea Cane - che possa garantire a Nicolò di essere trasportato a scuola, dove inizierà la prima elementare a settembre, senza dover affrontare il problematico cambio del sistema di postura. Dobbiamo unire nuovamente le forze e rispondere a questa esigenza: aiutare Nicolò fa bene a chi lo fa e per rinnovare il grande spirito di solidarietà ed unione che avvolge il nostro territorio canavesano. Me ne sono accorto ieri: il pomeriggio passato a giocare con lui alle macchinine è stato come ricaricare le pile. I suoi occhi profondi sono una lezione impartita con lo sguardo». 

Per acquistare una vettura trasporto disabili è partita una raccolta fondi. Si può donare al seguente Iban:
IT41Q0200830450000105886961
NOI CI SIAMO - ONLUS  
Causale: TUTTI PER NICOLÒ.

Oppure a Ingria, il prossimo 25 giugno, si potrà donare nel corso del festival musicale di Woodstock. La raccolta fondi continuerà anche il 24-25 giugno con le serate musicali al birrificio Curtis Canava di Bairo.

Galleria fotografica

Articoli correlati