La procura di Ivrea ha aperto un fascicolo per «atti relativi» all'esposto che hanno presentato ai carabinieri i genitori del bimbo di Settimo Torinese di quattro anni rimasto fuori, per una giornata, dall'aula dell'asilo Arcimboldo in quanto non vaccinato. Nel fascicolo non sono ipotizzati reati.

I carabinieri della compagnia di Chivasso, che si occupano degli accertamenti, hanno consegnato ieri in procura la relazione del loro intervento all'interno della scuola, le circolari ministeriali in tema di vaccini e il verbale con le dichiarazioni rilasciate dal papà del bambino. Gli accertamenti, coordinati dal procuratore capo d'Ivrea, Giuseppe Ferrando, che nei prossimi giorni potrebbe sentire il dirigente scolastico dell'asilo, cercheranno di fare luce sulla mancata prescrizione di test pre vaccinali a favore del bambino, così come richiesto dai genitori. C'è il sospetto che nessun medico abbia prescritto i test richiesti perchè molto costosi.

Il piccolo, in quanto non vaccinato, lunedì mattina non è stato portato in aula come tutti gli altri ma, sempre seguito da una maestra, è rimasto da solo in palestra. I genitori, vista la discriminazione e il mancato riconoscimento delle procedure, hanno chiesto l'intervento dei carabinieri. Il padre del bambino, tra l'altro, ha già prenotato i vaccini per il prossimo 21 settembre: circostanza che, in teoria, avrebbe dovuto evitare problemi al piccolo. Già martedì, comunque, il piccolo è stato riammesso in classe con i compagni.

Galleria fotografica

Articoli correlati