SETTIMO VITTONE - Nel quadro di riapertura in Italia di Parchi e giardini storici monumentali, riserve naturali e orti botanici, boschi, foreste e campagne, alberi millenari e piante bizzarre, sentieri immersi nella natura e passeggiate nel verde urbano, giardini pubblici da riscoprire e giardini privati segreti, la Delegazione e il Gruppo Giovani del FAI di Ivrea e Canavese accompagna ristretti gruppi di visitatori/camminatori sulla Francigena.

Partendo dalla piccola e deliziosa frazione di Montestrutto (20’ da Ivrea) da cui si sale in pochi minuti alla Francigena, godendo panorami ancora troppo poco conosciuti, potendo (buone scarpe e cappello mentre l’acqua è pluripresente all’inizio e a alla fine, ma no passeggini visto il lastricato del sentiero ) inerpicarsi fra strutture arboree, declivi e antichi nuclei abitativi fra le roccie, scoprendo (ci sarà spiegazione a gruppi di circa 15 prs max) l’evoluzione del paesaggio che, incessantemente, via via, si svela, fra boschi, vigneti e antichi nuclei abitativi come percorso quasi iniziatico per raggiungere la corona rocciosa (contornata da antichi ulivi ) che inquadra –come termine del percorso - (circa 60’) il monumento del Battistero di San Giovanni e la Pieve attigua di san Lorenzo (di proprietà comunale), gioielli pluri valorizzati negli anni dai mezzi di comunicazione del FAI.

Nel rispetto delle misure di sicurezza il Gruppo Giovani insieme ai Delegati del FAI canavesano seguiranno con descrizioni inusuali e interessanti un cammino di 50’ a tratta. L'iniziativa ha avuto un ottimo riscontro tanto che i posti sono esauriti.

Galleria fotografica

Articoli correlati