Tre giorni di battaglia con 100mila persone, tra spettatori e aranceri. Contusi in aumento rispetto alla scorsa edizione, una crescita del 32% dei biglietti venduti la domenica. Sono alcune delle cifre salienti dello Storico Carnevale di Ivrea, la cui edizione 2019 si è chiusa ufficialmente oggi con la distribuzione di ottocento chili di merluzzo a cura del Comitato della Croazia.

L’ultima giornata della battaglia ha fatto registrare 196 contusi, di cui 10 finiti in ospedale. Anche qui i numeri sono in aumento: 571 gli aranceri contusi in questa edizione (di cui 35 finiti al pronto soccorso) contro i 518 dell’anno scorso e i 477 del 2017. Lunedì, dei 170 contusi, solo nove sono stati accompagnati in ospedale. E domenica, ben 205 gli aranceri contusi: 16 sono finiti al pronto soccorso.

Domenica i paganti sono stati 19766, in crescita di quattromila unità rispetto all'anno scorso. A favorire l'afflusso il bel tempo di questa edizione che non ha scoraggiato anche gli stranieri: francesi, russi e americani i più presenti, con numerosi gruppi dell'est Europa. Secondo Turismo Torino e Provincia, anche se i dati andranno poi rivisti e confermati una volta terminata la manifestazione, non c'erano più posti letto a disposizione tra venerdì e sabato, con una percentuale scesa all'80% nella giornata di domenica e significative conferme sui pernottamenti anche lunedì e martedì

C’è stato spazio anche per la solidarietà. Le volontarie Unicef di torino hanno realizzato 60 pigotte dedicate alla vezzosa mugnaia che sono state vendute in poche ore. Con l'adozione delle pigotte Violetta è stato possibile acquistare 60 kit salva vita.

Galleria fotografica

Articoli correlati