STRAMBINO - Sarà l'autopsia a chiarire le cause della morte di un pensionato di 70 anni di Strambino, Paolo Fessia, deceduto martedì all'ospedale di Chivasso tre giorni dopo il ricovero. Era finito al pronto soccorso a seguito a un incidente stradale avvenuto a Vische lungo la strada che porta a Mazzè. Sabato scorso, in sella sua bicicletta da corsa, per evitare una mietitrebbia avrebbe perso il controllo della due ruote cadendo a terra. 

E' stato quindi soccorso dal personale del 118 e trasportato all'ospedale di Chivasso. In prima battuta le sue condizioni non sembravano gravi. Purtroppo la situazione è peggiorata rapidamente, fino al decesso di martedì.

Ora sarà l'autopsia, disposta dalla procura di Ivrea, a chiarire le cause della morte ed eventualmente rivelare collegamenti con quell'incidente stradale. Secondo il racconto di alcuni testimoni il 70enne stava procedendo sulla provinciale ad una buona andatura quando, alla vista della mietitrebbia, nel tentativo di evitarla, ha perso il controllo della bici. Uscendo di strada è andato a sbattere contro il muro di un pilone votivo che si trova sul ciglio della strada. Nessuno ha pensato che le condizioni del ciclista potessero peggiorare fino al decesso. Le indagini dei carabinieri di Caluso sono al momento in corso.

Galleria fotografica

Articoli correlati