La ragazza di 28 anni residente a Banchette che ieri sera, al volante della propria Fiat Croma, ha travolto due donne sulle strisce pedonali di via Jervis a Ivrea è indagata per omicidio stradale. Le indagini della polizia dovranno fare luce sulla dinamica dell'incidente per capire se la giovane, al momento dell'investimento, fosse in qualche modo distratta alla guida. Non a caso gli agenti hanno provveduto a sequestrare il telefono cellulare della ragazza per comprendere se, al momento dell'impatto, stesse messaggiando.

Maria Nappo, 75 anni, di Banchette è morta poco dopo l'intervento del personale medico. Due anni fa aveva perso il marito 67enne per un analogo incidente: l'uomo venne investito sulle strisce a Pavone Canavese. Restano gravi, invece, le condizioni della nipote, Marina Guidetto, 39 anni, impiegata del comune di Strambino, ricoverata nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Ivrea: sbattendo sull'asfalto ha riportato un serio trauma cranico. Per il momento la prognosi è riservata.

Secondo le indagini della polizia le due donne, intorno alle 19.30, stavano rincasando verso Banchette dopo essere andate a pregare nel vicino tempio dei Testimoni di Geova. 

Galleria fotografica

Articoli correlati