Si chiamava Lucia Honorata Shulla Reyes, aveva 33 anni e abitava a Torino la giovane mamma di origini peruviane che ieri sera, lungo l'autostrada A5 Torino-Aosta, è morta a seguito di un drammatico incidente stradale avvenuto sulla corsia in direzione Torino, poco prima dello svincolo di Ivrea, nel territorio a metà strada tra i Comuni di Banchette e Salerano Canavese. La donna era su una Fiat Punto insieme ai due figli. Una bimba di nemmeno un anno e un bimbo di sei.

Erano fermi su quella Punto in corsia di emergenza quando, alle spalle, un tir di una ditta di trasporti veronese, li ha tamponati con violenza. Al volante del mezzo pesante, carico di carne, un 27enne romeno. L'impatto è stato devastante. La Punto è stata sbalzata per parecchie decine di metri. La donna al volante è morta sul colpo. Gravemente ferita la bimba che, dopo le prime cure all'ospedale Parini di Aosta, dove è arrivata in elisoccorso, sarà trasferita al Regina Margherita di Torino. Solo lievemente ferito il figlio più grande che, al momento dell'impatto, si trovava fuori dal veicolo.

La dinamica del sinistro è al vaglio degli agenti della polizia stradale di Torino ma è possibile che la donna si fosse fermata con l'auto sulla corsia di emergenza per permettere al bimbo più grande (che infatti era all'esterno del veicolo) di fare pipì sul ciglio dell'autostrada. La A5 in direzione Torino è rimasta chiusa per quasi tre ore con uscita obbligatoria a Quincinetto. Purtroppo i soccorsi per la donna sono stati inutili. Il conducente del tir è risultato negativo all’alcoltest. E' indagato dalla procura di Ivrea per omicidio stradale.

Galleria fotografica

Articoli correlati