Un'altra scuola che riapre, un altro passo avanti (concreto) contro lo spopolamento delle montagne del Canavese. Succede in Valle Soana dove oggi, lunedì 3 ottobre, è suonata la campanella anche per l'asilo comunale di Valprato. Pietro, Darius, Mattia, Alice, Leonardo (nella foto pubblicata sul profilo social ufficiale del Comune) sono gli alunni che da qui all'inizio del 2017 popoleranno la scuola materna. Poi, con l'arrivo del nuovo anno, inizieranno a frequentare il plesso anche Davide e Gabriele.
 
«Pietro, Darius, Mattia, Alice, Leonardo da questa mattina sono i piccoli alunni della nostra scuola materna - confermano dall'amministrazione di Valprato Soana - attivata anche quest'anno grazie anche al contributo della Regione Piemonte. I bimbi provenienti anche dal comune di Ronco Canavese saranno seguiti nelle attività di gioco ed educazione dalla maestra Rossana Roletto. Un augurio di un buon anno scolastico da tutta l'amministrazione comunale di Valprato Soana».
 
Ceresole, Valprato, Ronco, Alpette, Frassinetto sono gli esempi di quella montagna che non ha nessuna intenzione di smobilitare. E per convincere le famiglie a non abbandonare i territori d'alta valle, l'unica strada è quella di garantire i servizi essenziali. Proprio come la scuola che in piccole realtà come quelle delle valli Orco e Soana, rappresenza senza dubbio una presenza determinante. Per il futuro dei bimbi, ovviamente, e per quello delle intere vallate. Un plauso quindi alle amministrazioni comunali che, insieme alla Regione, anche quest'anno sono riuscite a mantenere aperte le scuole. Con una piccola inversione di tendenza rispetto al recente passato: gli alunni iscritti, infatti, sono in aumento in tutte le mini-scuole di montagna. Finalmente un bel segnale.

Galleria fotografica

Articoli correlati