Il giovane agricoltore di Villareggia, Luca Leggero, coltivatore di piante e frutti goji, è il finalista regionale nella categoria Sostenibilità del concorso Oscar Green 2018, organizzato da Coldiretti. La premiazione si è svolta il 5 settembre scorso, al borgo medioevale di Torino. «Oscar Green è un premio, promosso da Coldiretti Giovani Impresa, arrivato alla dodicesima edizione, che punta a valorizzare il lavoro di tanti giovani che hanno scelto per il proprio futuro l’agricoltura – ricorda Michele Mellano, direttore Coldiretti Torino - obiettivo dell’iniziativa è promuovere l’agricoltura sana del nostro Paese che ha come testimonial le tante idee innovative dei giovani agricoltori. Queste sono le motivazioni della giuria per il premio andato a Luca Leggero, titolare di un’azienda agricola biologica innovativa: “Per aver saputo diversificare la produzione aziendale badando non solo alle peculiarità del  territorio ma anche alla domanda di mercato sempre più variegata».

«La filosofia della mia azienda - spiega Luca Leggero - è saldamente legata alla produzione biologica di bacche di Goji e vitivinicola. Una parte delle coltivazioni sono utilizzate per condurre ricerche e approfondimenti sui metodi di coltivazione in regime di agricoltura bio. Succhi di frutta, bacche essiccate e confetture vengono commercializzate anche online tramite l’eshop aziendale, oltre alla rete canonica di vendita. Per la produzione vitivinicola seguiamo un progetto di riqualificazione della collina di Villareggia, territorio anticamente vocato alla produzione di Nebbiolo. La volontà è di costruire una cantina che permetta di lavorare tutte le uve prodotte e un agriturismo».

«Oscar Green offre una opportunità ai giovani agricoltori che si impegnano con il loro lavoro quotidiano per implementare e innovare il patrimonio enogastronomico made in Italy – ricorda Giovanni Benedicenti, delegato Giovani Impresa Coldiretti Torino -. Grazie a noi nuove generazioni, il binomio agricoltura e innovazione è diventato sempre più frequente: l’esempio l’abbiamo avuto  proprio dalle aziende che hanno partecipato a questo concorso con estro, passione, innovazione e professionalità».

«La finale regionale Oscar Green è stata un momento di confronto proficuo in cui si respira l’aria positiva del rinnovamento - afferma Fabrizio Galliati presidente di Coldiretti Torino e vice presidente di Coldiretti Piemonte - l’agricoltura torinese e piemontese vede tante realtà imprenditoriali giovanili. I dati dimostrano che sempre di più i giovani decidono di dare continuità all’azienda familiare o di dare vita a nuove realtà agricole, tanto che le aziende under 40, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 30 per cento. Questo significa che il settore agricolo oggi sa dare concrete prospettive di futuro».

Nella foto da sinistra: Giovanni Benedicenti, delegato Giovani Impresa Coldiretti Torino; Luca Leggero; Fabrizio Galliati, presidente Coldiretti Torino e Michele Mellano, direttore Coldiretti Torino.

Galleria fotografica

Articoli correlati